Home » La canzone “Il Calciatore”

La canzone "Il Calciatore"

Gianfranco Parente

fotoL’atrio del portone di casa Imbriani era sempre stato anche un piccolo anfiteatro fatto di un televisore e tante sedie dove vedevamo le partite di calcio, specialmente quelle della nazionale. E fu li che vidi il mondiale del 1978 e soprattutto quello del 1982. Non sto qui a ricordare le gioie di quelle partite, ma la particolarità che fra il primo e il secondo tempo c’era un ragazzino di 6 anni che ci incantava tutti con i suoi palleggi: Carmelo. Aveva un pallone con la scritta forza juve e viveva solo di calcio. Qualche anno più tardi vestirà la maglia del Napoli nel settore giovanile. Tante le partite viste con Fernando, padre amorevole, ed ogni volta sembrava che giocasse anche lui, accompagnava le azioni anche fisicamente e quando Carmelo si avvicinava alla porta si udiva solo la sua voce: “tira…tira…”.

Tante volte mi aveva confessato che pensando ai suoi amici quando era solo a Napoli avrebbe voluto lasciare tutto per stare con noi. Ma sapeva anche che la sua vita era quella di un calciatore.  Molto tempo lo passavamo a rivedere i titoli dei giornali e le registrazioni delle sue partite. Mi rendevo conto che le persone conoscevano solo un lato della medaglia, solo la gloria, le luci, i riflettori e a volte ignoravano la vita normale di un ragazzo normale, che viveva le sue ansie, le sue paure, la sua tristezza e la sua gioia.

Giocò una semifinale del torneo degli allievi nazionali contro la Fiorentina a Sesto Fiorentino.

Decisi di andare a vedere la partita con Gianni. avevo preparato uno striscione con della carta da parati con su scritto “Imbriani facci un gol”.

A metà circa del primo tempo dopo un’azione formidabile del Napoli sulla destra il pallone arrivò a lui che con un tiro imprendibile di destro dopo aver controllato di sinistro portò la squadra partenopea in vantaggio. Fu allora che si involò verso di noi, verso il suo striscione, con le braccia aperte come un aquilone fino a far esplodere tutta la sua gioia. Per me fu come aver vinto una coppa del mondo…lo ricorderò sempre così.

Questa è la storia de “il calciatore”: storia di un ragazzo normale…

“Il Calciatore”


Gianfranco Parente,  nel 1992, ha dedicato a Carmelo il brano “Il Calciatore”. Ultimamente la canzone è stata eseguita con i Sancto Ianne, lo storico gruppo sannita di cui Gianfranco è uno dei fondatori.

Sancto Ianne

sancto_webSancto Ianne è un gruppo di neo-folk d’autore nato nel 1992 a San Giovanni di Ceppaloni (BN), da cui il nome.

Sancto Ianne fonda la sua musica su un profondo rapporto emotivo con la cultura e la tradizione della propria terra, il Sannio beneventano, creando un neo-folk d’autore dalla straordinaria capacità di coinvolgimento in cui convivono “naturalmente” pulsioni rock e musica blues, sonorità arabe e ritmiche balcaniche, ballate malinconiche e ipnotiche tammurriate. Il gruppo ha tenuto centinaia di concerti in Italia e all’estero ed ha partecipato a prestigiosi festival internazionali di world music (Folkermesse, Folkest, Paleariza, Festival Interceltique de Lorient, Itinerari Folk, Festival delle Province, Monsano Folk Festival, Festa Carrer, Popularia, Arzibanda, MusicaOltre, San Marino Etnofestival, Isola Folk, Pisa Folk Festival, Tarantafest, International Folkdance Festival, Arie Popolari, Frosinone Folk Festival, Suoni della Murgia, TerreInMoto, Matese Friend Festival, Arcipelaghi Sonori, La notte della Taranta, Colori Sonori, Xabia Folk Festival) ottenendo importanti riconoscimenti

www.sanctoianne.com

Condividi

Scarica l’icona

Utilizzala in modo creativo e invia la tua foto a: info@imbrianinonmollare.it

 download

Donazioni

Articoli recenti

Seguiteci su: